Cerca
  • Andrea Domenicucci

Il DIESEL nel 2021

Aggiornamento: 14 mag 2021


Acquistare auto diesel conviene ancora?


“Il Diesel sta scomparendo!”

“Chi compra più auto Diesel!?”

Ormai è diventato il dubbio di tutti.


Le vetture Diesel sono sempre di più al centro di critiche e perplessità. Accusate di essere particolarmente inquinanti, questa tipologia di auto sta lentamente scomparendo dai listini dei costruttori per far spazio a vetture sempre più green. Le ipotesi di stop alla circolazione in molte città ed un aumento dei costi, hanno portato ad una rivalutazione della convenienza delle auto a Diesel.

Analizziamo insieme la situazione.



Motore Diesel: Pro e contro


Pro motore Diesel:

Prestazioni e brillantezza di marcia: la differenza di funzionamento ha reso i motori diesel estremamente prestazionali;

Maggiore versatilità d’uso: l’elevata coppia fin dai bassi regimi ha reso il diesel particolarmente adatto all’uso gravoso – camion, furgoni, fuoristrada - anche se l’adozione sempre più massiccia dei turbocompressori sui motori a benzina, così come consuetudine da più di vent’anni sui diesel, ha ridotto il gap;

Emissioni inferiori rispetto alla benzina: prendiamo in esame i moderni diesel, in particolare gli Euro 6d-temp. Quest’ultimi emettono livelli di diossidi di azoto, polveri sottili estremamente ridotti. Quanto alla CO2 siamo addirittura sotto la media di una benzina della stessa cilindrata;

Efficienza nei consumi: il motore diesel nasce come alternativa economica a quella benzina, grazie a un minore consumo di carburante unito al costo inferiore del gasolio. Tipicamente, per vetture di fascia media o superiori, la soglia di convenienza si attesta intorno ai 15 mila km annui, conferendo alle auto diesel il titolo di mezzo ideale per i divora chilometri.


Contro motore Diesel:

Valori residui in discesa: la minore propensione all’acquisto dei potenziali clienti si tramuta in valori residui in discesa, una diminuzione che a livello proporzionale penalizzerà maggiormente le auto diesel rispetto alle auto a benzina;

Manutenzione più onerosa: sia in quella ordinaria (dato il maggior numero di elementi da sostituire) sia in quella straordinaria;

Maggiore complessità meccanica: l’acquisto diventa sempre più oneroso in virtù di una complessità meccanica elevata e dalla necessità di limitare le emissioni tipiche dei motori diesel;

Limitazioni alla circolazione: con le auto diesel bandite da alcuni centri urbani e sottoposte ad una maggiore tassazione, i possibili acquirenti si stanno allontanando dall’acquisto di un’auto diesel. Si tratta di decisioni già annunciate da amministrazioni locali e nazionali, molte con scadenza al 2030. Il «caso Milano» è destinato a fare da modello per altre realtà locali: il 2030 sarà l’ultimo anno in cui potranno circolare liberamente le vetture a gasolio di qualsiasi omologazione, anche le più recenti.



Diesel pro e contro

L’ecotassa si paga anche sulle auto usate o a km0?


Anche per il 2021 l’ecotassa si applicherà esclusivamente alle vetture di nuova immatricolazione e NON a quelle usate o a Km zero. Tuttavia in caso di importazione di una vettura dall’estero, al momento della registrazione in Italia si dovrà procedere al pagamento dell’ecotassa qualora i valori di emissioni riportati nell’omologazione rientrino nelle fasce indicate dal governo. Infatti:

- IL PROVVEDIMENTO è previsto solo per auto che devono essere IMMATRICOLATE o RE IMMATRICOLATE (per esempio auto di importazione);

- Per pagare ECOTASSA la vettura dovrebbe superare una soglia minima di EMISSIONI:

· emissioni comprese tra 161-175 g/km, 1.100 euro di sovrattassa

· emissioni comprese tra 176-200 g/km, 1.600 euro di sovrattassa

· emissioni comprese tra i 201-250 g/km, 2.000 euro di sovrattassa

· emissioni superiori a 250 g/km, 2.500 euro di sovrattassa



Come verificare se la tua auto diesel può circolare


Può capitare di non sapere se la propria auto diesel possa o meno circolare. Per evitare di cadere in errore e rischiare una sanzione si deve verificare la tabella Euro auto così da conoscere la classe di appartenenza della propria vettura.

Per verificare la tabella Euro auto si può controllare il libretto di circolazione. Al rigo V.9 è riportata l’indicazione della direttiva della Comunità europea, mentre nella terza facciata del libretto di circolazione è riportata sia la direttiva che la classe di omologazione del veicolo.

Se si vuole sfruttare il web per conoscere la tabella Euro auto si potrà consultare il portale dell’automobilista, selezionare il link “verifica classe ambientale veicolo” ed inserire il tipo di vettura ed il numero di targa.



Il consiglio dell’esperto:

Le limitazioni per i veicoli a DIESEL sono un fattore di cui tenere conto se stai valutando un acquisto, ma è chiaro che il “bando progressivo” di questa alimentazione rappresenta solo il primo passo verso un'evoluzione ECOLOGICA, giusta e obbligatoria, che spazzerà via TUTTI i carburanti non sostenibili, se sfruttati da tecnologie che non sapranno evolversi.

Tuttavia oggi conviene ancora comprare un'auto diesel per la praticità e la facilità che questi veicoli sono in grado di offrire nella guida, avvalendosi di propulsori che funzionano in un regime compreso tra i 600 e i 4.500 giri mentre i motori a benzina lavorano tra gli 800 e i 6.200.

Sebbene, come si può notare, la potenza dei motori diesel risulti minore, la possibilità di utilizzarla anche a marce alte offre una guida più agevole e semplificata, che rende queste vetture la scelta ideale per il comfort quotidiano.


Nota bene!! La cosa più importante quando si decide di acquistare un'auto NUOVA/USATA, sono le proprie esigenze e ritengo inopportuno complicarsi la scelta con allarmismi e ansie.



Contattami se necessiti di una consulenza!

61 visualizzazioni0 commenti