top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreAndrea Domenicucci

Indie One: l’auto elettrica con PC gaming incorporato

Uscirà nel 2023 e costerà 45.000 dollari.


indie one pc gaming


La mobilità elettrica farà incontrare due grandissimi mondi: auto e tecnologia. Questo risultato è possibile grazie ad una nuova startup, la IndiEV, ha progettato una nuova auto elettrica: si tratta della Indie One. Ma non è un’auto elettrica qualunque.


Ciò che contraddistingue la Indie One è un particolare oggetto del suo equipaggiamento: il PC Gaming. E non si tratta di un sistema di bassa potenza, bensì un vero e proprio PC da gaming dotato di processore Intel Core i7 e una scheda grafica NVIDIA RTX 2080. La connettività è inoltre assicurata grazie alla presenza di un modem 5G integrato.


Sicuramente una soluzione molto particolare che sarà apprezzata dai più giovani.


Dove sarà il PC Gaming sull’Indie One


Il sistema da gioco si trova sotto al cofano, all’interno di un comparto refrigerato e imbottito, in modo tale da proteggere il sistema stesso da tutte le vibrazioni e gli urti che possono verificarsi durante la marcia.



indie one pc gaming


Il prototipo che è stato mostrato dalla startup IndiEV è in grado addirittura di far girare giochi in realtà virtuale, oppure riprodurli su due schermi touchscreen da 15 pollici posizionati sul cruscotto - uno utilizzato per il computer da gaming e l’altro in generale per il sistema di infotainment dell'auto.


Informazioni tecniche sulla Indie One


In realtà non sono molte le informazioni tecniche che sono state fornite sull’auto fornite. Quello che sappiamo è che sicuramente sarà dotata di un motore realizzato da Jing-Jin Electric e le batterie saranno fornite da Eve Energy. Sconosciute sia la potenza che sarà in grado di offrire, sia l’autonomia chilometrica.


La Indi One di IndiEV dovrebbe arrivare sul mercato verso la fine del 2022, con un prezzo di partenza che si aggira intorno ai 38.000€.


La startup IndieEV ha sede negli Stati Uniti, ma è stata fondata dall’imprenditore cinese Shi Hai, che deve la sua fortuna proprio investendo nell’industria dei videogiochi mobile.




44 visualizzazioni0 commenti

Comentarios


bottom of page